A Isernia… il Tombolo diventa gioiello PDF Stampa E-mail
Giovedì 30 Maggio 2013 09:05

Un’occasione, dal sapore della forte determinazione e della creativa laboriosità delle donne di Isernia e della provincia, si svolgerà il prossimo 31 maggio con inizio alle 17.30 nel Salone del B&b “Il Palazzotto” di Palazzo Laurelli, per proseguire poi presso il Museo civico del Tombolo ubicato in piazza Celestino V.

 

A Isernia… il Tombolo diventa gioiello, è il titolo del Convegno ideato e programmato per creare un momento di conoscenza e di considerazione corale su un’arte manuale che contraddistingue e connota la città di Isernia già dal XV secolo.

La Commissione per le Pari Opportunità del Comune di Isernia e la Consigliera di Parità della Provincia di Isernia, Tina Fiorenzo, hanno raccolto la necessità di dare spazio e valore alla lavorazione, alla diffusione e alla valorizzazione del tombolo promuovendo un Progetto per la lavorazione del tombolo, in una sua particolare esecuzione tecnica ed espressiva, che si è concretizzata nella realizzazione di monili in filo d’oro e d’argento.

Non sempre bisogna andare lontano per trovare una fonte d’ispirazione, - ha dichiarato la Consigliera Tina Fiorenzo - in questo caso è la tradizione locale che dà l’occasione di attivare nuove realtà imprenditoriali. Si parte dal passato e dalle conoscenze dell’antico artigianato isernino per valorizzare le capacità creative di moderne merlettaie. Non più soltanto tovaglie, lenzuola, centri, ma anche i gioielli al tombolo possono dar voce a un’arte rinnovata, reinventata e attuale. Le trine classiche di colore écru e bianco, assumono nuove cromature, come ori brillanti e argenti luminosi, e fanno tendenza, irrompendo nel mondo del fashion design con la proposta di abiti e accessori eleganti e preziosi. Prova ne è l’adesione al progetto di un grande maestro sartore, Sebastiano Di Rienzo, che ha creato abiti con inserti a tombolo, per mostrare la duttilità di questo straordinario prodotto d’artigianato”.

Il presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto ha inteso porre l’accento sull’attivismo della struttura della Consigliera di Parità della Provincia: “Lavorare per la parità di genere - ha detto Mazzuto - significa anche lanciare iniziative che indirizzino le donne verso nuove dimensioni professionali. Con il corso di tombolo, non solo si è raggiunto questo obiettivo, importante soprattutto in un momento in cui bisogna sapersi reinventare professionalmente ma, c’è di più, si è riusciti a valorizzare una arte antica che diversamente rischia di essere dimenticata. Un rischio che dobbiamo impedire con azioni mirate e dagli sviluppi concreti. Il buon esito del progetto “Il tombolo diventa gioiello” è legato anche alla capacità della Consigliera di Parità di lavorare in sinergia, facendo dialogare parti diverse ma ugualmente rilevanti: istituzioni, merlettaie, maestri artigiani e scolaresche hanno collaborato attivamente, non solo centrando a pieno gli obiettivi, ma superando di gran lunga le aspettative”.

Il progetto articolato come Corso di Formazione per la durata di quarantotto ore, la cui referente è Olimpia Giancola, ha avuto notevole successo e ha ulteriormente dato sprone e diffusione a questa lavorazione di artigianato artistico proprio perché accolto con entusiasmo dalle giovani generazioni.

Svolto presso il Palazzetto che custodisce il Museo civico della città di Isernia, il corso è stato tenuto da Maria Di Benedetto, il cui paese natale è Vastogirardi. Esperta e conosciuta a livello internazionale Di Benedetto, oltre a insegnare la tecnica del tombolo, coniugata fra tradizione e modernità, è collezionista e artista di merletti a tombolo.

L’evento culturale, coordinato da Paola Buccigrossi, componente C.P.O. Comune di Iserna, vedrà la partecipazione della presidente C.P.O. Comune di Isernia, Maria Roberta Boccia. In apertura del convegno i saluti del presidente della Provincia, Luigi Mazzuto, del commissario prefettizio, Vincenza Filippi, di Luigi Brasiello già presidente della Camera di Commercio e attuale sindaco di Isernia. Seguiranno gli interventi di Olimpia Giancola, referente del progetto, di Maria Stella Rossi, scrittrice, della Consigliera di Parità, Tina Fiorenzo, e di Sebastiano Di Rienzo.

Proprio nel corso della manifestazione Sebastiano Di Rienzo, noto e apprezzato maestro sartore, originario di Capracotta, già sarto di Valentino e docente dell’Istituto Europeo del Design di Roma, che riveste importanti incarichi presso l’Accademia Nazionale dei Sartori e la Federazione Mondiale dei Maestri Sarti, donerà al Museo civico del Tombolo di Isernia, due abiti, favolosi per ideazione ed esecuzione che, nella loro unicità e raffinatezza, sono anche un tripudio dell’eleganza e della fine lavorazione del tombolo isernino, in quanto impreziositi con le trine di Isernia, “che sembrano ricamare l’aria”,  eseguite presso il laboratorio di Antonella e Cosmo Pacifico.

La cerimonia di donazione avverrà presso il Museo del Tombolo e darà l’opportunità di ammirare le preziose lavorazioni custodite nel Museo che, realizzato da Olimpia Giancola e Maria Stella Rossi, espone anche gli incantevoli gioielli eseguiti da Maria Di Benedetto e dal prossimo 31 maggio si arricchisce ulteriormente con la presenza dei due abiti firmati Sebastiano Di Rienzo, creazioni di alta sartoria che vogliono essere anche un inno ai valori artistici e tradizionali del tombolo isernino e una testimonianza tangibile del legame con la terra molisana.

 

Menu utente