Jan
23
2017
Replica al Comitato Scuole Sicure, la Provincia ha già dato ampie assicurazioni PDF Stampa E-mail
Lunedì 23 Gennaio 2017 13:14
Dopo le recenti reiterate accuse di insensibilità e reticenza della Provincia di Isernia alle richieste di documentazione necessarie a testimoniare la sicurezza delle scuole superiori di Isernia arriva la precisazione del Presidente Coia.
“Rigettiamo al mittente le accuse di inadempienza ed inerzia sul tema della sicurezza dei nostri istituti superiori. Abbiamo in più occasioni affermato con parole e fatti che la sicurezza dei nostri studenti è nelle priorità di questa amministrazione e che tale tema – precisa Coia - va affrontato con il dialogo costante con studenti, genitori ed operatori scolastici.
Citiamo alcuni passaggi che esprimono con evidenza che tale dialogo non è mai venuto meno e che negli incontri avuti abbiamo più volte dichiarato che stiamo mettendo in sicurezza due istituti (Cuoco e Fascitelli per circa 2 milioni di euro ) sui sei della città di Isernia, a valere sul finanziamento triennale della Regione Molise annualità 2015 (10 milioni impegnati in totale); che sugli altri istituti abbiamo fornito dati certificati sugli indici di vulnerabilità sismica; che sull’ITGC Fermi abbiamo in cantiere una progettazione per 2,5 milioni a valere sulla annualità 2017 per l’adeguamento sismico al pari degli istituti di Agnone per pari importo e siamo in attesa di finanziamento regionale; che sul Liceo Artistico Manuppella abbiamo effettuato prove di carico sui solai e stiamo iniziando a effettuare ulteriori indagini di sicurezza sismica al pari del Fermi.
 

Menu utente