Presentata la manifestazione "Scio Anch'io" Stampa
Giovedì 25 Febbraio 2010 00:00

conferenza_stampa_presentazione_scio_anchioSi terrà sabato 27 febbraio 2010 a Capracotta la I Giornata Provinciale sulla neve “Scio Anch’io”. L’evento dedicato ai diversamente abili che potranno cimentarsi nella disciplina dello sci è stato presentato nella mattina di oggi, giovedì 25 febbraio alla stampa.
Nella conferenza sono intervenuti l’Assessore provinciale alle Politiche Sociali Domenico Izzi, il Sindaco di Capracotta Antonio Monaco, l’Assessore alle Politiche Sociali del comune alto molisano Maria D’Andrea, il presidente della Proloco capracottese Annamaria Labbate, il presidente dell’Associazione Onlus “Scio Anch’io” Gigino D’Ippolito, il presidente della III Commissione consiliare della Provincia di Isernia Antonio Tedeschi e il presidente dell’Unitalsi Isernia-Venafro Francesco Pettine.

Il raduno è previsto per le ore 10.00 presso gli impianti sciistici di Montecapraro, sono circa 50 le persone disabili che vi prenderanno parte, per ciascuno ci sarà a disposizione un istruttore dell’Associazione sciistica “Scio Anch’io” abilitato all’insegnamento degli sport invernali ai portatori di handicap. Nel corso della mattinata di sabato, i partecipanti potranno salire a bordo della seggiovia sulle alture di Capracotta. Seguirà un pranzo e nel pomeriggio si terrà una solenne celebrazione liturgica, officiata dai vescovi delle Diocesi di Isernia e Trivento.
“Sarà una giornata all’insegna del sorriso – ha detto l’Assessore provinciale Domenico Izzi –. Una delle priorità della nostra amministrazione è di riuscire a portare fuori dalle case i disabili, di integrarli completamente nel tessuto sociale”. “Capracotta si candida ad essere il punto di riferimento per lo ‘sci sociale’ – ha invece dichiarato il Sindaco Antonio Monaco –. La morfologia delle nostre montagne, i servizi, le attrezzature e il personale qualificato consentono di programmare un progetto di coinvolgimento dei diversamente abili nella pratica delle discipline sportive invernali che abbia una presenza più stabile sul territorio, in risposta ad una domanda sempre crescente che sopraggiunge anche da altre realtà regionali”. 

Ultimo aggiornamento Venerdì 26 Febbraio 2010 13:24